HOME

HOME

Il nuovo decreto Draghi in vigore dal 7 Aprile
Le nuove norme sono destinate a sostituire quelle che scadono il 6 aprile confermando lo stop alla zona gialla fino a maggio con la possibilità di rivedere la decisione se i numeri del contagio lo consentiranno. 
Questi in sintesi i provvedimenti al vaglio dell'Esecutivo:
 
  • confermare il congelamento della zona gialla fino alla scadenza del decreto (fine di aprile);
  • colorare tutta l'Italia di rosso e arancione, quindi con bar e ristoranti chiusi, e il divieto di spostamento tra regioni;
  • consentire il rientro in classe agli studenti fino alla prima media in zona rossa e fino alla terza media in zona arancione con il 50% di Didattica a Distanza nelle scuole superiori.
Continua
Anche il M5S e la Lega sosterranno Draghi
Abbiamo ribadito il concetto che quando e se si formerà un nuovo governo noi ci saremo sempre con lealtà", ha detto il capo politico M5S Vito Crimi dopo le consultazioni con il premier incaricato Mario Draghi. Il nuovo governo deve avere "un'ambizione solidale, ambientalista, europeista. E partendo da quello che è stato già realizzato. Abbiamo trovato da parte sua la consapevolezza di partire con l'umiltà di chi accoglie quanto fatto prima. Abbiamo ribadito la nostra volontà che non siano indebolite misure come il reddito di cittadinanza".
"Noi non poniamo condizioni. Altri lo fanno, noi nessuna conizione né su persone né sulle idee. Il bene del paese deve superare interesse personale e partitico". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini al termine dell'incontro con Draghi. "Nessuna tassa, semmai una pace fiscale per aiutare i cittadini. Molto tempo lo abbiamo impiegato sullo sviluppo e crescita". "E' stata mezz'ora di confronto interessante e stimolante sui temi concreti sull'idea dell'Italia che per diversi aspetti coincide", ha detto il segretario della Lega
Read More
Giornata centrale per l'esito dell'incarico di Draghi
Il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi ha svolto  il primo giorno di consultazioni, che si protrarranno anche nella giornata di venerdì 5 febbraio e nella mattinata di sabato. Il premier incaricato dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha incontrato i gruppi parlamentari meno numerosi di Camera e Senato: ecco chi si è già espresso in favore dell'ex presidente della Bce: +Europa di Emma Bonino, Azione di Carlo Calenda, i Radicali di Benedetto Della Vedova, il Maie di Ricardo Merlo, Centro Democratico di Bruno Tabacci, il gruppo delle minoranze linguistiche, così come i centristi vicini al centrodestra di Maurizio Lupi (Noi on l'Italia), Giovanni Toti (Cambiamo) e Gaetano Quagliariello (Idea).
Continua
Il viceministro all'Economia Misiani apre al MES: "Strumento utile e conveniente".
 "I due decreti Ristori sono stati coperti rimanendo nell'ambito degli scostamenti di bilancio già autorizzati dal Parlamento. Quanto alla Legge di Bilancio, arriverà in Parlamento questa settimana e seguirà il doppio binario già previsto: da una parte, le risorse per l'emergenza - ammortizzatori sociali e aiuti per i settori più in crisi - dall'altra, i progetti e le riforme per lo sviluppo sostenibile, portando gli investimenti pubblici ben al di là del 3% del PIL. Se sarà necessario chiedere ulteriori risorse per la legge di Bilancio, lo verificheremo nelle prossime settimane in relazione all'evoluzione della situazione epidemiologica e delle misure restrittive".
Continua
Governo, Decreto ristori bis: aiuti per partite iva e famiglie

Mentre già lunedì circa 211mila attività inizieranno a trovare sul conto corrente i bonifici dell'Agenzia delle Entrate definiti con il decreto Ristori 1, il consiglio dei ministri ha dato il via libera nella notte al decreto Ristori bis, con il nuovo pacchetto di aiuti per le attività e le famiglie più colpite dalle nuove restrizioni anti-Covid.

Con il provvedimento oltre alle partite Iva ci saranno anche aiuti per le famiglie che avranno i figli a casa già alle medie, con la possibilità di prendere il congedo al 50% o di utilizzare altri 1000 euro di bonus babysitter.

 

Continua
Dpcm, Conte: "Italia divisa in 3 aree"
"Abbiamo distinto la penisola in 3 aree: gialla, arancione e rossa. Ciascuna con proprie misure restrittive. Tutte le misure entreranno in vigore venerdì, per consentire a tutti di avere il tempo congruo per disporre le proprie attività". Sono le parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che illustra le misure del nuovo Dpcm.
"Nell'area gialla rientrano Abruzzo, Basilicata, campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Molise, Sardegna, Liguria, Marche, Toscana, Umbria, Veneto, province di Trento e di Bolzano", dice. "Puglia e Sicilia rientrano nell’area arancione. Le regioni dell’area rossa, ad alta criticità, sono Calabria, Lombardia Piemonte e Valle d’Aosta", aggiunge.
Continua